Archivio mensile settembre 2010

DiDaniele Frigerio

Rilievo incidenti stradali con gps Topcon

Benvenuto nel Sistema innovativo per il rilievo dei sinistri stradali !
Studiato appositamente per le Forze di Polizia Locale/Municipale, semplifica il rilievo planimetrico dei sinistri stradali, consentendo agli uffici di produrre la planimetria del sinistro in tempo reale.
L’esperienza di Topcon, da sempre leader nella tecnologia al servizio dei rilievi topografici, trova ora nuove applicazioni nel campo della sicurezza e della viabilità stradale. Il minor impiego di tempo in strada abbinato all’azzeramento del tempo in ufficio, necessario per portare su carta gli schizzi di campagna, rende questo nuovo strumento indispensabile in Comandi di Polizia dinamici e moderni.
L’esperienza sulla strada ha portato all’effettuazione di un rilievo e della sua planimetria su carta in pochi minuti.
La stazione all’arrivo sulla zona del sinistro, si inizializza ed in pochi minuti è pronta per l’utilizzo, l’agente, spostandosi sui vari punti da rilevare, schiacciando un solo tasto, rileva con tecnologia GPS, il punto sul quale si è posizionato. Lo strumento lo memorizza, lo disegna, e tramite uno specifico software, rende visibile il rilievo direttamente sul display dello strumento, già con i tratti grafici che lo contraddistinguono: frenate, segnaletica orizzontale, veicoli, ecc.
La possibilità quindi di poter rilevare immediatamente i veicoli e le eventuali tracce in maniera certa, consentirà quindi di poter liberare la strada e riprendere la normale viabilità immediatamente. Il resto del rilievo non necessiterà più la presenza di agenti sulla carreggiata e si potrà effettuare appena possibile. Al rientro in ufficio, si scaricano i dati e Mercurio, l’applicativo grafico Topcon, restituisce la planimetria con tutti gli elementi essenziali del rilievo ed ogni punto avrà le proprie coordinate.
L’utilizzo di un solo agente per il rilievo planimetrico, permette una sensibile riduzione degli agenti operanti in strada.
La memorizzazione delle strade, intersezioni, CURVE ed ogni altro luogo del sinistro, permette al successivo rilievo, la localizzazione dei soli veicoli coinvolti e delle eventuali altre tracce, portando così a pochi SECONDI, il rilievo planimetrico del sinistro.
La resa grafica del rilievo, consente quindi di consegnare negli uffici preposti e nelle mani degli accertatori delle assicurazioni e una planimetria professionale e definitiva immediatamente. Uno strumento praticissimo, poco ingombrante, leggero, studiato appositamente per il lavoro all’esterno, non teme la pioggia, funziona indifferentemente sia di giorno che di notte.
  • Precisione centimetrica
  • Semplicità di utilizzo
  • Utilizzo di un solo agente nel rilievo di incidenti stradali
  • Restituisce graficamente il rilievo senza alcun intervento Back office
  • Possibilità di personalizzazione di tratti e simboli grafici
  • Riduzione dei tempi di rilevo e di chiusura traffico
  • Memorizzazione di strade ed intersezioni
  • Esegue documentazione fotografica con indicazione del punto nel quale si è scattata la foto
DiDaniele Frigerio

Trasforma le tue foto in modelli 3D

TRASFORMA LE TUE FOTO IN MODELLI 3D

Ora è facile trasformare le tue foto da qualsiasi fonte provengano

 software di fotogrammetria
– importare foto da diversi tipi di camera
– inserire i GCP
– effettuare il match tra le foto
– creare la nuvola sparsa
– georeferire la nuvola sparsa
– creare la nuvola densa
– creare la mesh
– creare l’ortofoto
APPLICAZIONI:
Topografia e Geodesia
Genera in automatico dalle foto aeree ortofoto, modelli 3D e nuvole punti. Tutto scalabile, misurabile e georeferenziabile
Architettura
Fotografa la facciata di un edificio o un interno con una camera qualsiasi per ricostruirne con precisione il modello 3D
Archeologia
Ricava modelli tridimensionali di siti archeologici da foto aeree o da macchina fotografica
TIPOLOGIE:
Foto aeree
Utilizza le immagini aeree fatte da drone, velivolo ad ala fissa, elicottero o aereo per generare in automatico la Tua mappa tridimensionale
Macchina fotografica
Utilizza qualsiasi fotocamera e obiettivo e scatta da qualsiasi angolazione per ottenere il Tuo modello 3D in un click
Smartphone
Scatta le foto direttamente con il Tuo smartphone per ricostruire automaticamente il modello tridimensionale
DiDaniele Frigerio

Stazione totale Motorizzata o Robotica?

Motorizzata o robotica? Quale stazione totale scegliere?

La domanda può risultare banale per un pubblico di esperti in materia topografica. Ciò nonostante, spesso queste due tipologie di stazione totale vengono confuse, e con esse le metodologie di lavoro e i campi di applicazione.

Uno strumento motorizzato viene considerato tale quando i movimenti del cerchio orizzontale e del cerchio verticale sono eseguiti tramite motori interni attivati da manopole (jogs) che permettono la rotazione più o meno veloce della stazione. Uno strumento motorizzato inoltre, risulta essere frizionato, e quindi può essere ruotato liberamente anche senza l’ausilio dei jogs.

Ulteriori funzionalità che uno strumento motorizzato di norma offre di serie sono l’Auto Pointing (centramento automatico) che permette il centramento del prisma a fronte di una collimazione iniziale approssimativa, e il Tracking (tracciamento) che consente l’inseguimento del prisma, eliminando i tempi della collimazione.

Una stazione totale motorizzata evolve a robotica quando è utilizzabile in modalità monoperatore con una configurazione tipica che comprende oltre allo strumento, un controller palmare ed un prisma 360°, entrambi collegati all’asta portaprisma.
Dalla stazione totale motorizzata alla stazione robotica

Dalla stazione totale motorizzata alla stazione robotica
Fatte salve queste caratteristiche fondamentali, una stazione totale motorizzata evolve a robotica quando è utilizzabile in modalità monoperatore con una configurazione tipica che comprende oltre allo strumento, un controller palmare ed un prisma 360°, entrambi collegati all’asta portaprisma e connessi allo strumento in modalità wireless.

A questo proposito Topcon, già agli inizi degli anni 2000 con la serie di stazioni robotiche GPT-8000A introduceva, prima al mondo, un sistema robotico completamente senza cavi.

La soluzione wireless RC-2 “Fast-Trak” infatti, composta da un controller remoto e una maniglia dello strumento comprendente 4 sensori laser, introduceva la comunicazione a infrarossi (IR).

Un sistema che semplificò il dialogo bidirezionale tra operatore e stazione totale, attraverso il quale l’uno dà istruzioni per misurare e per informare lo strumento sulla posizione del prisma ogni qualvolta si perde l’aggancio, e l’altra (la stazione totale) risponde al topografo inviandogli tutti i dati misurati per poter essere archiviati nel controller palmare.

Pochi anni dopo, le nuove tecnologie brevettate di comunicazione ad infrarossi, X-Track™, PowerTrac™ e la più recente UltraTrac, hanno introdotto importanti miglioramenti nell’aggancio del prisma in movimento a più elevate velocità, e nella riacquisizione istantanea dell’inseguimento del prisma.

Contemporaneamente, l’introduzione del sistema di comunicazione radio ad espansione di spettro senza interferenze, nei modelli di stazione totale robotica Topcon GPT-9000A, portava il dialogo strumento-controller a più alti livelli prestazionali.

Oggi, l’esclusivo sistema di comunicazioni LongLink™, introdotto per la prima volta con la serie robotica Topcon PS, garantisce un range di comunicazione wireless di 600m di diametro.

Dopo questa breve ma necessaria digressione storica, ci preme sottolineare una caratteristica basilare delle stazioni totali robotiche e che fa la differenza tra i brand Premium come Topcon e i “chinese manufacturers”, e stiamo parlando del riaggancio del prisma nel caso in cui si perda il tracciamento a causa di un ostacolo che interrompe la comunicazione.

In questi casi lo strumento può essere richiamato facendolo ruotare nella direzione fornita dal controller tramite il suo Gps interno o manualmente con un joystick virtuale. Oppure, scegliere l’opzione di utilizzare un ricevitore Topcon RC-5 (ricordate l’RC-2? Siamo già alla quinta generazione di remote controller) collocato sopra al prisma 360°, che consente una ricerca più rapida ed efficace della stazione totale.

L’essenza dello strumento motorizzato, cioè la presenza di motori a bordo, lo rende specifico per l’esecuzione di rilievi finalizzati a determinare le deformazioni e/o spostamenti di manufatti, infrastrutture e movimenti franosi.
Applicazioni e campi di utilizzo delle stazioni totali motorizzati e delle stazioni totali robotiche.

Applicazioni e campi di utilizzo delle stazioni totali motorizzati e delle stazioni totali robotiche.
Ora, una volta capite bene le caratteristiche di una stazione totale motorizzata e una stazione totale robotica, e quindi le differenze fra di esse, è importante capire quali sono le applicazioni che ne esaltano le prestazioni, rendendoli strumenti unici per alcune tra esse.

Partendo dall’assioma che sono possibili tutte le applicazioni e le operazioni di campagna che svolgeremmo con una stazione totale meccanica con l’apporto di due operatori, come ad esempio l’esecuzione di poligonali, rilievi celerimetrici e riconfinamenti, l’essenza dello strumento motorizzato, cioè la presenza di motori a bordo, lo rende specifico per l’esecuzione di rilievi finalizzati a determinare le deformazioni e/o spostamenti di manufatti, infrastrutture e movimenti franosi, che insieme a soluzioni software dedicate, vanno a configurare le soluzioni di monitoraggio geometrico.

Le scansioni automatiche di fronti di cava, discariche, cumuli di inerti, ecc. sono anch’esse applicazioni specifiche per strumenti motorizzati, in modalità reflectorless per punti singoli o “scanning”, caratteristica quest’ultima della Imaging Station di Topcon.

La stazione totale robotica, fatte salve tutte le applicazioni dei sistemi manuali e motorizzati, è invece lo strumento ideale per tutte quelle applicazioni ove la soluzione monoperatore risulta essere decisiva per l’esecuzione di determinati lavori topografici – quali ad esempio rilievi e tracciamenti di cantiere – dove lo strumento consente di individuare la direzione da picchettare in maniera automatica.

L’esecuzione di misure da terra in appoggio a rilievi batimetrici, nonché le operazioni di controllo e guida di macchine operatrici movimento terra (LPS machine control) sono ulteriormente attività che una stazione totale motorizzata e robotica consente di svolgere con efficacia e precisione.